Sopravvivenza all’ipotermia grave

L’ipotermia grave, ossia una temperatura corporea inferiore a 24 gradi Celsius, ha spesso esito letale. Le vittime perdono conoscenza, sono colpite da arresto cardiorespiratorio e non mostrano segni di vita.

Il 6 aprile 2017, in Polonia una donna è stata trovata in stato di incoscienza, senza polso e con una temperatura corporea di 20,6 gradi Celsius. Oltre alle normali procedure di rianimazione, i soccorritori hanno utilizzato EASY PULSE per praticare il massaggio cardiaco automatico. La donna è fortunatamente sopravvissuta e due giorni dopo ha ripreso conoscenza.

Per ulteriori informazioni, fare clic sui seguenti link (informazioni in polacco):

http:/www.dziennikzachodni.pl